9 Paesi Con Il Più Alto Tasso Di Suicidi

Spargi l'amore

Il Lesotho ha il più alto tasso di suicidi al mondo con un totale di 87.5 suicidi ogni 100,000 persone.

Secondo il Organizzazione Mondiale della Sanità, 703 000 persone si suicidano e molte altre tentano ancora di uccidersi. Ogni suicidio è una tragedia che ferisce famiglie, comunità e persino interi paesi, e le persone lasciate indietro ne risentono a lungo. 

Il suicidio può avvenire in qualsiasi momento della vita di una persona ed è stata la quarta causa di morte più comune al mondo per le persone di età compresa tra 15 e 29 anni nel 2019.

Anche se la maggior parte dei paesi con il più alto tasso di suicidi sono poveri, un numero sorprendente di paesi altamente sviluppati e ricchi ottiene un punteggio piuttosto alto in questi numeri deprimenti.

Gli uomini sono tre volte più inclini delle donne a suicidarsi. Il più delle volte, le persone usano il veleno, si impiccano o usano armi.

In questo articolo parleremo dei paesi con il più alto tasso di suicidi al mondo. Continua a leggere. 

Paesi con il più alto tasso di suicidi

Potrebbe piacerti anche: 10 paesi più sicuri al mondo con il tasso di criminalità più basso

Chi è a rischio di suicidio?

In molti paesi ad alto reddito esiste una forte connessione tra suicidio e disturbi psichiatrici, in particolare depressione, ansia e disturbi da uso di alcol.

Sfortunatamente, molti suicidi si verificano ancora all'improvviso quando le persone perdono la capacità di affrontare le pressioni della vita, come difficoltà finanziarie, una relazione interrotta o dolore cronico e malattia.

Il comportamento suicida è anche fortemente legato a cose come la guerra, il disastro, la violenza, l'abuso, la perdita e un sentimento di solitudine. Rifugiati e migranti, membri della comunità LGBTQ e detenuti sono tutti gruppi vulnerabili che si sentono emarginati e hanno alti tassi di suicidio. 

Paesi con il più alto tasso di suicidi

1. Lesoto

Il Lesotho ha il più alto tasso di suicidi al mondo

Il Lesotho ha il più alto tasso di suicidi pro capite al mondo. Il Lesotho ha una chiara crisi di salute mentale a causa di quante persone si stanno uccidendo. Anche così, il Lesotho non ha ancora un piano nazionale per affrontare i problemi di salute mentale.

Nel complesso, alla salute mentale non viene prestata molta attenzione e ottenere aiuto ha una così cattiva reputazione che le persone pensano che sia meglio soffrire da sole o fare la terribile scelta di porre fine alla propria vita.

La crisi è in gran parte causata da decenni di povertà, dolore e perdita causati dalla pandemia di AIDS, dalla mancanza di opportunità di lavoro e dalla sensazione generale che non ci sia speranza per il futuro.

Il Lesotho ha un tasso di suicidi di 87.5 suicidi ogni 100,000 persone, il che lo rende il più alto al mondo.

2.Guyana

Guyana

Con una media di 40 suicidi ogni 100,000 persone, la Guyana ha uno dei più alti tassi di suicidio al mondo.

La Guyana ha un alto tasso di suicidi per molte ragioni, tra cui la povertà, un forte stigma nei confronti delle malattie mentali, il facile accesso a sostanze chimiche che possono uccidere, l'abuso di alcol, la violenza tra le persone, le famiglie distrutte e le risorse insufficienti per la salute mentale.

Con un PIL pro capite di 4,240 dollari, la Guyana è uno dei paesi più poveri dei Caraibi. Circa il 60% degli 800,000 abitanti della Guyana vive in piccoli villaggi sulla costa, dove non ci sono molti posti di lavoro e non ci sono molte risorse comunitarie come le strutture per la salute mentale.

Secondo il Ministero della Pubblica Sicurezza, circa il 70% dei suicidi del Paese avviene nelle aree rurali. Le persone in questi luoghi spesso bevono o si fanno male per affrontare sentimenti di disperazione, povertà e disperazione economica.

3. Kiribati

Kiribati

Anche se il tasso di mortalità per suicidio per 100,000 persone a Kiribati è cambiato molto negli ultimi anni, ha avuto la tendenza a diminuire tra il 2000 e il 2019, finendo a 28.3 per 100,000 persone nel 2019.

Nel 2015 sono stati registrati 16 suicidi. Dodici di loro erano uomini e quattro erano donne. Quindi, 22.89 uomini su 100,000 si sono suicidati, mentre solo 6.31 donne hanno fatto lo stesso. Questo numero è leggermente diminuito nel 2022; tuttavia, il tasso di suicidi rimane ancora uno dei più alti al mondo.

Le statistiche mostrano che i suicidi sono stati la principale causa di morte non naturale nel mondo nel 2014.

A Kiribati, il suicidio è anche uno dei motivi principali per cui le persone muoiono senza una ragione ovvia. Kiribati, d'altra parte, ha avuto solo otto omicidi, mentre ci sono stati molti più suicidi che omicidi. Ci sono stati due suicidi per ogni omicidio.

4. Micronesia

Micronesia

Dopo la metà degli anni '1960, i tassi di suicidio nella maggior parte delle isole della Micronesia sono aumentati drasticamente e negli anni '1980 erano a un livello allarmante. Nelle isole della Micronesia ci sono stati così tanti suicidi che è stata come un'epidemia. 

Negli Stati della Micronesia (FSM), Palau e Isole Marshall, il tasso di suicidi è stato compreso tra 25 e 30 per 100,000 persone dalla fine degli anni '1970 al 2000. Questo è uno dei tassi più alti al mondo.

Negli ultimi anni, il tasso di suicidi è in costante aumento ogni anno, con il tasso attuale che raggiunge i 28.2 suicidi ogni 100,000 persone. 

5. Suriname

Suriname

In un rapporto del 2018, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha affermato che ci sono stati 128 suicidi in Suriname, ovvero il 3.59% di tutti i decessi. 

Questo pone il Suriname al quinto posto per suicidi in tutto il mondo. Relazioni e problemi personali come vergogna, paura, senso di colpa, tristezza, rabbia, essere soli, depressione e sentirsi deboli possono essere tutti collegati al suicidio. 

6. Russia

Russia

Il suicidio in Russia è un grave problema sociale nazionale, con 21.6 suicidi ogni 100.000 persone. Fonti nazionali affermano che ci sono stati 18,206 suicidi in Russia nel 2018. Questo è in calo rispetto al 39.1 per 100,000 persone nel 2000 e al 41.4 per 100,000 persone nel 1995.

Dal 2002, il numero di suicidi è diminuito ogni anno, ed è ora al punto più basso da oltre 50 anni; tuttavia, rimane uno dei più alti al mondo.

Il consumo eccessivo di alcol è una delle ragioni principali dell'alto tasso di suicidi. Circa la metà di tutti i suicidi è legata al consumo eccessivo di alcol. Anche se l'economia è andata male dagli anni '1990, il tasso di suicidi in Russia è diminuito, insieme alla quantità di alcol che ogni persona beve. Ciò suggerisce che l'alcol è un fattore più importante dell'economia.

Anche se il numero di suicidi in Russia è diminuito rapidamente negli ultimi anni, è ancora uno dei più alti al mondo. BBC Russia afferma che nel 2016, 44,673 persone in Russia sono morte per suicidio o circa 122 persone al giorno.

7. Lituania

Lituania

A causa di quanto sia comune il suicidio in Lituania, lì è diventato un grosso problema sociale. Ogni anno in Lituania si suicidano circa 23 persone ogni 100,000 abitanti. In Europa, la media è di circa 12.

Dopo la caduta del comunismo negli anni '1990, la Lituania ha attraversato grandi cambiamenti nella sua società ed economia.

Studi del passato hanno affermato che gli effetti di questi grandi cambiamenti nella società, come un'economia difficile, il peggioramento delle condizioni di vita, l'alcolismo e la mancanza di servizi psicologici e psichiatrici hanno causato l'alto tasso di suicidi.

8. Sud Africa

Sud Africa

Le Gruppo sudafricano per la depressione e l'ansia (SADAG) afferma che la depressione è di gran lunga il disturbo di salute mentale più comune tra le persone che cercano di uccidersi.

La depressione è particolarmente pericolosa per i sudafricani neri perché non vogliono parlarne o addirittura ammettere che è una malattia mentale che può capitare a chiunque.

Anche se le persone sono abbastanza coraggiose da chiedere aiuto, spesso lo ottengono da predicatori, guaritori tradizionali o sangoma, che vedono la depressione come causata dalla stregoneria e la trattano con preghiere o muthi tradizionali.

9. Corea del Sud

Corea del Sud

La Corea del Sud continua ad avere uno dei più alti tassi di suicidi tra i paesi sviluppati. Nel 2021 ci sono stati più suicidi in Corea rispetto all'anno precedente. Ciò dimostra che gli effetti della pandemia e del blocco si fanno ancora sentire.

Nel caso della Corea del Sud, il tasso di disoccupazione è stato il più alto dal 1999, anche se l'economia si è ripresa dopo gli shock iniziali della pandemia.

A parte l'incombente crisi economica, l'alto tasso di suicidi in Corea del Sud è spesso attribuito alle richieste accademiche, allo stress lavorativo, allo stigma sulla salute mentale e alla mancanza di assistenza sociale per gli anziani.

Misure per aiutare a ridurre il tasso di suicidio

1. Creare un ambiente sicuro

Un modo importante per ridurre il rischio che le persone si uccidano è impedire agli individui suicidi di accedere e utilizzare modi letali per farsi del male.

Alcune misure che possono essere prese per garantire che le persone con tendenze suicide abbiano un accesso limitato ai pericoli sono:

  • Insegna alle famiglie delle persone in crisi come conservare farmaci e armi in modo sicuro.
  • Distribuisci i lucchetti di sicurezza per le armi.
  • Cambia il modo in cui i farmaci vengono confezionati.
  • Metti barriere sui ponti.

2. Promuovi connessioni sane

Anche se ci sono fattori di rischio nella vita di una persona, avere relazioni di supporto ed essere connessi alla comunità può aiutare a proteggerla dal suicidio.

Puoi far sentire le persone più connesse creando programmi sociali per determinati gruppi di persone, come gli anziani o i giovani LGBT.

Possono anche essere incoraggiati facendo altre cose che aiutano le persone a sentirsi meno sole, come dare loro un senso di appartenenza e costruire relazioni che siano emotivamente di supporto.

3. Fornire un intervento immediato ea lungo termine

Un piano post intervento è un insieme di regole che aiuteranno te o la tua comunità ad affrontare la morte per suicidio in modo gentile ed efficace.

Le azioni immediate si concentrano sull'aiutare coloro che sono stati colpiti dalla morte per suicidio e sulla riduzione del rischio per altre persone che sono deboli.

Anche le persone che hanno perso qualcuno a causa del suicidio dovrebbero ricevere aiuto a breve e lungo termine.

4. Identificare e sostenere le persone ad alto rischio

Molte persone con tendenze suicide non cercano aiuto da sole. Se conosci qualcuno che è a rischio di suicidio, puoi aiutarlo fornendogli assistenza e sostegno.

Questa strategia include cose come la formazione per i guardiani, lo screening per il suicidio e l'insegnamento dei segnali di pericolo.

5. Migliorare l'accesso alle cure contro il suicidio

Una parte fondamentale della prevenzione del suicidio è garantire che le persone a rischio di suicidio abbiano un accesso rapido e semplice a trattamenti basati sull'evidenza, interventi per prevenire il suicidio e sistemi di assistenza coordinati.

Gli interventi per prevenire il suicidio, come la pianificazione per la sicurezza e l'ottenimento di trattamenti e terapie basati su prove scientifiche da parte di operatori qualificati, possono portare a molti progressi e guarigioni.

Un altro modo importante per assicurarsi che le persone abbiano accesso alle cure per la salute mentale e il suicidio è rimuovere le barriere finanziarie, culturali e pratiche all'assistenza.

6. Insegnare ai suicidi a identificare e cercare aiuto quando sono stressati

Le persone hanno meno probabilità di suicidarsi se insegni loro a riconoscere quando hanno bisogno di aiuto e le aiuti a trovarlo.

Gli strumenti di auto-aiuto e le campagne di sensibilizzazione sono due modi per rendere più facile per le persone ottenere aiuto, soprattutto se non sanno quali servizi sono disponibili o pensano che l'aiuto non funzionerà.

Altri interventi potrebbero cambiare l'ambiente sociale e fisico, ad esempio promuovendo norme tra pari che incoraggino le persone a chiedere aiuto o rendendo i servizi più accessibili e culturalmente appropriati.

Parole finali

Persone di tutte le razze, etnie, religioni, generi e gruppi socioeconomici muoiono per suicidio in tutto il mondo.

Altre cose su una persona, come avere una malattia mentale, nascere con un difetto o essere un membro di un gruppo marginale, potrebbero renderle più propense a deprimersi, che sia solo una volta o per molto tempo.

Per ridurre il numero di decessi correlati al suicidio, i paesi devono affrontare una serie di problemi diffusi che rendono più probabile che qualcuno scelga il suicidio come via di fuga.


Spargi l'amore

Lascia un tuo commento